GUARDARE AVANTI CON OCCHI DI TUAREG

Occhi di tuareg, lo sguardo affascinante di coloro che sanno guardare avanti. Ho sentito tante volte parlare della straordinaria bellezza dei Tuareg, e un giorno ho capito il perché. I Tuareg hanno occhi bellissimi perché lanciano lo sguardo oltre l’orizzonte e sanno intuire i luoghi migliori dove dirigersi, disegnando delle traiettorie concrete verso nuovi scenari.

Chi non ha mai visto il deserto, non conosce il silenzio assoluto. Chi non ha vissuto il deserto, non lo immagina come una terra di possibilità. I Tuareg abitano il deserto. Lo usano e lo animano. I tuareg sanno trovare nel deserto quello di cui hanno bisogno, e sono consapevoli che è un looro compito saperlo trovare. Il deserto non regala nulla.

I tuareg assomigliano alle persone visionarie. Durante il lockdown il tempo si è sospeso e ho avuto più tempo per pensare. È stato un momento diverso che mi ha portato in una dimensione intellettuale completamente inesplorata. La scrittura del mio primo primo mio libro che uscirà a marzo 2021, il tanto tempo per pensare, mi hanno confermato che mi entusiasmo quando lavoro con persone con occhi di Tuareg, persone desiderose di piantare la propria tenda in nuovi territori.

Parlo spesso ai mie clienti e ai miei studenti degli occhi di Tuareg, dell’importanza di saper guardare verso e oltre l’orizzonte, di quanto è importante allenarsi a vedere cose che altri non vedono. Io sono un sognatore di natura, mi dicono che sia una caratteristica  dei pesci, ma allo stesso tempo riesco ad essere molto concreto, ma non credo sia un segno dei pesci…

Nel tempo ho imparato ad unire queste due qualità, così distanti tra loro, seguendo lo schema dei Tuareg e dei Bushmen. Il primo è il popolo del deserto. Il secondo è il popolo della “boscaglia” africana, della Namibia. Ho scoperto che il loro vagare in quelle terre immense e pericolose non è mai casuale, ma frutto di un metodo preciso, Queste sono alcune delle linee guida che ho estratto

Farsi istruire da persone esperte del territorio
↳ Andare nel punto più alto
Osservare la situazione in tutta la sua ampiezza
↳ Immaginare i possibili scenari
↳ Individuare il posto giusto dove dirigersi
↳ Tracciare dall’alto le migliori vie di accesso
↳ Immaginare anche altre strade alternative
Valutare che cosa mi serve
↳ Preparare l’equipaggiamento
↳ Scegliere il momento buono per partire

Il mondo del lavoro assomiglia sempre di più al deserto o ad un’indecifrabile giungla, una realtà complessa dove saper guardare avanti definisce la misura dei possibili scenari professionali e lo sviluppo di possibilità concrete,

La buona notizia è che negli ultimi tempi incontro tanti tanti giovani con occhi di Tuareg, ragazzi desiderosi di guardare avanti e di andare alla ricerca di possibilità concrete dove potersi esprimere, a prescindere dalle oggettive difficoltà del territorio dove sono obbligati a muoversi.

Si tratta di ragazzi straordinari che infondo un rinnovato sentimenti di speranza, per loro stessi e per tutti noi.

#OcchidiTuareg