CHI È LUCIO ZANCA?

bio_2_gif_480pNasco il 27 Febbraio 1967 a Pesaro, città di mare nella regione al “plurale”, le Marche.

Il 27 del mese era giorno di paga e perciò mio padre sosteneva che fossi nato baciato dalla divina fortuna.

Sono fiorito nei meravigliosi anni ’60/’80, gli anni della sperimentazione delle idee, delle radio libere, delle scoperte, del rock & roll.

In quell’atmosfera magica ho imparato a sognare sempre qualcosa di coinvolgente nel lavoro, nello studio e nelle relazioni.

Descrivere se stessi è difficile. Scrivere questa breve biografia mi ha aiutato a capire meglio chi sono, in che cosa credo, quello che voglio.

Sin da piccolo ho amato la musica, nelle più ampie forme e contenuti, perché mi fa sentire in movimento, mi permette di volare in una prospettiva più alta, più suggestiva.

Born to run di Bruce Springsteen è il mio manifesto.

Sono attratto dalle persone con capacità di visione, come i Tuareg, perché sanno osservare tutt’attorno e allo stesso tempo vedono oltre l’orizzonte.

Sono convinto che annaffiare la propria autostima sia un’azione essenziale per coltivare una vita degna di essere vissuta.

Ammiro gli artisti di strada perché sanno affrontare la quotidianità fidandosi di se stessi, delle proprie competenze, dei propri talenti.

Credo nell’importanza di saper affrontare i problemi per riuscire poi a realizzare i sogni desiderati.

Sono affascinato da surfisti e skaters perché sanno gestire le incertezze delle onde e le difficoltà delle strade. Sono maestri di equilibrismo e bilanciamento. Sanno come rialzarsi coraggiosi anche dopo rovinose cadute.

Sono un curioso professionista. Mi piace scoprire le caratteristiche delle persone perché vedo nella diversità qualcosa di straordinario, potente, attraente.

Ritengo fondamentale saper comprendere i comportamenti, le qualità, i talenti, i segni della pelle, i tratti culturali di ogni essere umano.

Sono le caratteristiche che scandiscono il tempo di pensieri e relazioni.

DESIGN

Un giorno il CEO di una importante azienda mi dice: “Lucio tu sei un designer del talento che intuisce le qualità delle persone e sa farle sbocciare”. La mia evoluzione professionale è partita da questa affermazione e il design thinking è diventato filo conduttore delle mie attività. Ogni giorno lavoro per creare nuove proposte con il desiderio di sperimentare strade e moltiplicare possibilità. Tutti possiamo essere designer della nostra vita e Design Human Talent è il metodo per trasformare sogni in realtà

HUMAN

Stiamo vivendo un cambiamento epocale all’interno del quale le dinamiche interpersonali sono tornate al centro. L’elemento umano della macchina è la struttura dinamica di ogni visione di successo. Per questo affianco con grande motivazione quelle persone, aziende e gruppi che desiderano aprirsi a nuove prospettive, sviluppare ampie visioni, costruire progetti concreti, potenziare i propri talenti e utilizzare al meglio l’energia della macchina umana.

TALENT

Sono convinto che il talento sia dentro di noi in attesa di spazi adeguati per potersi esprimere. Tutti possiamo sempre imparare qualcosa di nuovo perché non esistono cose che non sappiamo fare ma cose che conosciamo o che non conosciamo. Dobbiamo essere consapevoli che il potenziale umano si sviluppa con la ricerca, la sperimentazione, la ricchezza di competenze e la voglia di conoscenza. Sono convinto che la formazione continua permetta di esprime in modo completo la propria identità.

 

Amo la vitalità delle metropoli. Le vie caotiche, rumorose, piene di persone. Ma anche i vicoli stretti, gli spazi di profonda solitudine. Le grandi città sono fantastici contenitori di storie, di linguaggi contrastanti, di slanci, di tormenti, di significati in evoluzione.

Impazzisco per New York, Londra e Roma.

Allo stesso tempo sono affascinato dall’armonia della natura. I colori della materia. La potenza del deserto. La tradizione contadina. Il mistero del mare. La tranquillità delle colline. La natura con la dinamicità delle sue forze spesso contrapposte.

Le Eolie, la Sardegna, la Namibia, le colline marchigiane sono i luoghi che amo.

Mi piace unire entusiasmo riflessione in un gioco che mi renda completo. Affronto la vita con l’entusiasmo della sfida, per capirla, per darle un senso, per confrontarmi.

Studio con attenzione le dinamiche di gruppo, nelle aziende e nei contesti sociali. Mi piace saper costruire team eccellenti perché il lavoro di gruppo esprime la bellezza della condivisione di sogni.

Osservo i nostri giovani con l’irresistibile desiderio di comprenderne il potenziale. Sono convinto che siano pieni di qualità ma hanno bisogno di essere annaffiati di approvazione per andare a toccare con mano l’emozione più bella: la fiducia in sé stessi.

Amo i miei figli, il dono più prezioso.

Mi emoziono a raccontare storie, creare idee, condividere metafore, stimolare scenari, comunicare il senso di ciò in cui credo.

Per chiudere, il mio più grande desiderio è continuare ad alzarmi ogni mattina e dirmi con orgoglio “Bravo Lucio, sei riuscito a battere più strade possibili rimanendo sempre te stesso”.

LEGGI IL MIO CV